Aumento INPS

Ci è giunta notizia che è previsto in Finanziaria un ulteriore aumento del 2,2% della quota di INPS per gli autonomi iscritti alla gestione separata.

Ci preme segnalare che stiamo già affrontando gravi difficoltà per restare sul mercato come professionisti qualificati e pagare regolarmente le tasse; un ulteriore aumento costringerebbe moltissimi di noi a prendere in considerazione l'ipotesi di interrompere l'attività.

Chiediamo che si desista dal prevedere ulteriori aumenti contributivi vista la congiuntura economica e la condizione non certo privilegiata dei traduttori e degli interpreti come liberi professionisti "non regolamentati".
Scarica il comunicato in PDF
Vai alla Rassegna stampa